Analisi dei medicinali II (con esercitazioni)

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Analisi dei medicinali II (con esercitazioni)

Prof.ssa Chiara Brullo Contatto

Informazioni aggiuntive

  • Codice*: 80445
  • CFU: 8
  • Corso di Studio*: CTF
  • Anno di corso*: Terzo
  • Semestre*: Secondo semestre
  • Docente incaricato*: Prof. BRULLO
  • Obiettivi formativi*:

     

    Il corso, tramite esercitazioni individuale, ha lo scopo di portare lo studente ad identificare sali, sostanze organiche e metallo organiche presenti nella farmacopea ufficiale.

  • Contenuti*:

     

    Introduzione all'analisi inorganica ed organica. Caratteristiche organolettiche di una sostanza. Saggi di combustione su spatola.

    Riconoscimento di Sali inorganici: solubilità e fiamma. Saggi per via secca. Ricerca anioni e cationi per via umida.

    Riconoscimento di sostanze organiche. Saggi alla fiamma e solubilità. Preparazione della soluzione di Lassaigne. Saggi di riconoscimento azoto, zolfo, fosforo, alogeni. Riconoscimento degli alogenuri mediante solubilità in diverse basi. Saggio di Beilstein. Analisi del residuo di combustione. Saggi di riconoscimento di carattere generale: acqua di Bromo, Bayer, FeCl3, fusione con KOH.

    Classificazione delle sostanze in base alla solubilità. Spostamento del pH e riconoscimento dei sali tipo B+X- e M+A-.

    Punto di fusione: definizione, variazione del p.f. al variare della struttura molecolare. Apparecchi per la determinazione del punto di fusione. Punto di fusione misto.

    Sotanze acide; stabilità degli anioni carbossilato, barbiturato, fenato. Acidi carbossilici: saggi di riconoscimento generali: esterificazione, saggio con bicarbonato, con zinco, con fenolftaleina

    Fenoli: caratteristiche generali; fenoli mono, bi, tri valenti; saggi specifici: aurine, ftaleine, Liebermann, copulazione con sali di diazonio.

    Sostanze basiche: ammine ed alcaloidi. Ammine: basicità, caratteristiche generali; saggi specifici: reazione di diazocopulazione, saggio delle carbilammine, di Rimini, di Simon; separazione di una miscela di ammine mediante il saggio di Hinsberg

    Alcaloidi: reattivi precipitanti e coloranti.

    Derivati purinici: caratteristiche generali, solubilità, saggio della Muresside.

    Sostanze anfotere: sulfamidici: solubilità, saggio con Fehling A.; a-amminoacidi: saggio della ninidrina, amminoacidi aromatici. Sostanze neutre: aldeidi e chetoni: saggio con 2,4-DNFI, saggio di Shiff, di Bertagnini, di Legal, dell'aldeide salicilica, di Lieben.

    Alcoli: esterificazione, ossidazione, saggio di Deniges, saggio degli alchilxantogenati alcalini. Polialcoli: saggio di Malaprade, con tetraborato, di Molish, con Bisolfato di potassio.

    Zuccheri: mono, di e polisaccaridi. Mutarotazione, tautomeria chetoenolica. Saggi di Fehling, Tollens, acetato di anilina, Molish, Barfoed, fluoroglucina, resorcina.

    Esteri ed ammidi: idrolisi e saggio degli acidi idrossammici. Derivati piridinici: saggio con cloroformio.

    Per le diverse categorie di sostanze sono riportati esempi di sostanze presenti nella F.U. Italiana ed Europea.

    TLC qualitativa e quantitativa, TLC preparativa, TLC in fase inversa, HPTLC, Iatroscan system.

    Cristallizzazione: scelta del solvente. Cristallizzazione da due solventi. Cristallizzazione semplice e frazionata. Schema a triangolo.

    Densità relativa ed assoluta. Misura della densità: picnometri, densimetri a fuso, bilancia idrostatica di Mohr-Westphal.

    Indice di rifrazione: definizione, leggi della rifrazione; rifrattometro di Abbe.

    Potere rotatorio: natura della luce polarizzata. Prismi di Nicol. Polarimetri e spettropolarimetri. Preparazione dei campioni. Potere rotatorio specifico.

    Punto di ebollizione: definizione, relazione struttura molecolare-punto di ebollizione. Metodi di determinazione.

    Cenni sulla sublimazione.

    Min 500-Max 2000 caratteri (o 70-300 parole)

  • Testi consigliati:

     

    Savelli.Bruno edizioni PICCIN

  • Modalità d'esame:

     

    L'esame si svolge tramite un colloqio orale della durata di circa trenta minuti in cui lo studente deve dimostrare di conoscere la teoria di chimica generale ed organica alla base delle esercitazioni svolte in laboratorio

     

Letto 41391 volte Ultima modifica il Mercoledì, 28 Settembre 2016 11:08