Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Novembre 2018 16:12
Ultima modifica il Mercoledì, 07 Marzo 2018 15:29
Ultima modifica il Venerdì, 20 Luglio 2018 09:36
Ultima modifica il Mercoledì, 01 Febbraio 2017 14:40

ANALISI DEI MEDICINALI (E DEI LORO METABOLITI) II con esercitazioni

prof. Andrea Spallarossa Contatto Curriculum

 

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2015 10:53

Tecnologia, Socioeconomia e Legislazione farmaceutiche II - FAR
Prof. ssa Sara Baldassari Contatto Curriculum

 

Ultima modifica il Venerdì, 06 Maggio 2016 09:26

Tecnologia, Socioeconomia e Legislazione Farmaceutiche I FAR

Prof.ssa Brunella Parodi Contatto  Curriculum

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2015 11:07

Prodotti dietetici

Prof.ssa Raffaella Boggia Contatto Curriculum

Programma

I principali costituenti degli alimenti (macro e micronutrienti).

Il valore nutritivo degli alimenti.

Linee guida di comportamento alimentare. Raccomandazioni nutrizionali e livelli di sicurezza: RDA, LARN. Calcolo del fabbisogno calorico. Lo stato nutrizionale. L'indice di massa corporea. I parametri antropometrici

Le principali tecniche di produzione e conservazione alimentare.

Le modificazioni dei nutrienti indotte dai processi di lavorazione.

Gli additivi alimentari.

Le principali problematiche legate alla sicurezza alimentare.

Conoscenze su alcuni alimenti "base" usati come materie prime per i prodotti dietetici.

I prodotti destinati a soggetti in particolari condizioni fisiologiche (es. prodotti per la prima infanzia, prodotti per sportivi, prodotti per diete ipocaloriche, etc.). I

I prodotti destinati a soggetti con disordini metabolici (prodotti per allergici, intolleranti, celiaci, diabetici, affetti da insufficienza renale cronica, etc.).

La nutrizione artificiale (prodotti per la nutrizione entrale e parenterale).

Gli alimenti arricchiti.

Gli alimenti funzionali e le sostanze nutraceutiche.

Gli integratori alimentari.

I novel foods.

Aspetti dietetici nell'età evolutiva, in gravidanza ed allattamento, nella terza età, diete particolari (es. vegetariana).

Le interazioni tra alimenti, integratori alimentari e farmaci.

Cenni di legislazione.

Testi consigliati:

Evangelisti F., Restani P. Prodotti Dietetici- Chimica, tecnologia e impiego – PICCIN Editore, Padova, II edizione.

Cappelli, Vannucchi. Chimica degli alimenti, ed. Zanichelli, Bologna

Coultate T. P. La Chimica degli Alimenti, ed. Zanichelli, Bologna

Cabras P. Martelli A. Chimica degli alimenti, ed. Piccin, Padova

Modalità di esame:

L'esame si svolge mediante una prova scritta. La prova scritta comprende 2 domande a risposta aperta di pari valore (5/30) e 10 domande a risposta multipla di pari valore (2/30). Le domande vertono sul programma svolto durante le lezioni frontali. Gli studenti hanno 60 minuti a disposizione. Dopo la correzione, effettuata da almeno due componenti della commissione d'esame, gli elaborati vengono discussi con gli studenti interessati.

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2015 11:02

Prodotti cosmetici
Prof.ssa Carla Villa Contatto Curriculum

Programma

Legislazione Cosmetica

Direttive Europea

Legge italiana 713/86: articoli e allegati

Regolamento 1223/09

Nomenclatura e etichettatura cosmetica

Norme sulla sicurezza ed efficacia

GMP e Problematiche aziendali

Pubblicità

Cute e annessi cutanei

Materie Prime

Sostanze liofile

Sostanze idrofile

Tensioattivi

Modificatori reologici

Coloranti naturali e di sintesi

Conservanti

Sostanze funzionali

Prodotti per la cute

Prodotti per la detergenza

Prodotti idratanti ed emollienti

Prodotti solari

Prodotti per i capelli

Prodotti per la detergenza

Tinture per capelli

Prodotti per igiene dentaria

Prodotti deodoranti

Cenni di cosmesi decorativa

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2015 11:10

MICROBIOLOGIA - FAR/ISF

Prof.ssa Anna Maria Schito Contatto Curriculum

I batteri: morfologia, fisiologia e cenni di genetica (coniugazione, trasformazione, traduzione).

Popolazione batterica "normale" nell'uomo

Generalità sulle malattie da infezione

Diagnosi di infezione

Cenni sulle colture batteriche Antibiogramma, MIC;

MBC Azione patogena dei batteri: esotossine ed endotossine

La sporulazione

Alcuni batteri più comunemente patogeni per l'uomo (E. coli, S. aureus, P aeruginosa, S. pyogenes S. Pneumoniae)

Farmaci antibatterici (principali classi e relativo meccanismo d'azione) e meccanismi di resistenze

I virus: morfologia e struttura Azione patogena dei virus HIV HPV

Farmaci antivirali

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2015 10:36

 

Prof.ssa Grazia Tamone Contatto Curriculum

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 04 Maggio 2015 10:14

Lingua inglese
Prof.ssa Deirdre Kantz Contatto Curriculum

 

Ultima modifica il Martedì, 30 Giugno 2015 11:47

Immunologia
Prof.ssa Claudia Cantoni Contatto

Programma

Il sistema immunitario: caratteristiche generali della risposta innata e acquisita

Cellule e organi del sistema immunitario (organi linfoidi primari e secondari)

Risposta immunitaria innata. Infiammazione.

Infiammazione acuta. Cellule dell'infiammazione. Recettori dell'immunità innata.

Difetti dell'immunità innata.

Mediatori chimici dell'infiammazione: plasmatici e cellulari.

Citochine infiammatorie.

Chemochine. Migrazione leucocitaria.

Effetti sistemici dell'infiammazione. Proteine di fase acuta.

Esiti dell'infiammazione acuta.

Classificazione delle infiammazioni acute.

Infiammazione cronica.

Granulomi immunitari e non immunitari.

Caratteristiche della risposta umorale e della risposta cellulo-mediata.

Modalità di riconoscimento dell'antigene.

Maturazione dei linfociti B. Riarrangiamento dei geni delle immunoglobuline.

Attivazione dei linfociti B e meccanismi effettori.

Struttura e funzione degli anticorpi.

Il sistema del complemento (vie di attivazione e funzioni).

Complesso Maggiore di Istocompatibilità (MHC). Processazione e presentazione dell'antigene.

Cellule dendritiche.

Maturazione dei linfociti T. Riarrangiamento dei geni del TCR.

Attivazione dei linfociti T e meccanismi effettori.

Linfociti T citotossici. Linfociti T helper.

Citochine.

Cellule Natural Killer.

Meccanismi di difesa contro virus e batteri: risposte innate e specifiche.

Meccanismi di escape virale.

Immunità mucosale.

Generalità sulle immunodeficienze – Esempi di immunodeficienze congenite. Cause di immunodeficienze acquisite.

Immunità anti-tumorale - Cellule effettrici e meccanismi di elusione dell'immunosorveglianza tumorale. Cancer Immunoediting.

Reazioni di ipersensibilità di tipo I, II, III e IV (Esempi: manifestazioni allergiche, malattia emolitica del neonato, anemie da farmaci, reazioni trasfusionali, malattie da immunocomplessi, ipersensibilità ritardata)

Autoimmunità - Meccanismi della tolleranza centrale e periferica. Classificazione principali malattie autoimmuni e loro caratteristiche Fattore reumatoide, Cross-reattività, mimetismo molecolare.

Trapianti - Trapianti organi solidi, classificazione e meccanismi del rigetto. Alloriconoscimento diretto ed indiretto. Farmaci immunosoppressori. Trapianto cellule staminali ematopoietiche. Compatibilità HLA, Antigeni Minori Istocompatibilità.

Vaccini – Principio della vaccinazione. Immunizzazione attiva e passiva. Memoria immunologica. Principali tipi di vaccini. Adiuvanti.

Immunoterapia - Terapia anticorpale - Razionale. Principi della siero terapia. Tipi di anticorpi monoclonali. Esempi di farmaci a base di anticorpi chimerici ed umanizzati. Terapia cellulare - Razionale. Vaccinazione con linfociti T, vaccinazione con cellule dendritiche.

TESTI CONSIGLIATI

Parham, IL SISTEMA IMMUNITARIO Ed. EdiSES

Ed. italiana 2011 (traduzione ed. 2009)

Abbas, Lichtman, Pillai, IMMUNOLOGIA CELLULARE E MOLECOLARE Ed. Elsevier

Ed. italiana 2012 (traduzione ed. 2012)

Kuby, IMMUNOLOGIA Ed. UTET

Ed. italiana 2007 (traduzione ed. 2007)

Modalità di esame:

L'esame consiste in una prova orale e si svolge in presenza di due docenti di ruolo. Il colloquio dura per ogni studente circa 30 minuti e verte sul programma svolto durante le lezioni frontali. Mediante la discussione orale di diversi argomenti riguardanti l'immunologia e l'immunopatologia, la commissione verifica il raggiungimento degli obiettivi formativi dell'insegnamento.

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2015 10:51

(C.I. MICROBIOLOGIA E IGIENE)

PAOLO DURANDO Contatto Curriculum

 

Introduzione all’Igiene e alla Medicina Preventiva.

Prevenzione primaria, secondaria e terziaria.

Epidemiologia descrittiva, analitica e sperimentale. Misurare la salute e la malattia (fonti di dati e tassi grezzi e specifici di incidenza, prevalenza, mortalità, letalità, etc.).

Studi clinici, norme di buona pratica clinica (G.C .Ps) ed Evidence Based Medicine (EBM)

La sorveglianza in ambito sanitario.

La catena infettiva, profilassi generale e notifica delle malattie infettive.

Malattie a trasmissione aerodiffusiva (Difterite, Pertosse, poliomielite, meningiti batteriche, morbillo-parotite-rosolia, varicella, ecc.).

Malattie a trasmissione con il sangue e i liquidi biologici e Sexual Transmitted Diseases (S.T.Ds) (HBV, HCV, HIV, ecc.).

Malattie a trasmissione orofecale (poliomielite ed Epatite virale A e E, ecc.).

Malattie trasmesse da vettori (malaria, peste, febbre gialla, ecc.).

Immunoprofilassi attiva e passiva. I vaccini: razionale, tipologia e modalità di somministrazione. Obiettivi e strategie percorribili di vaccinazione. Il concetto di herd immunity in vaccinologia. Il ruolo sociale delle vaccinazioni come pratica medica di Sanità Pubblica.

Il Piani Nazionale e Regionale sulle Vaccinazioni.

Difterite, Tetano, Pertosse e Poliomielite: epidemiologia e prevenzione.

Morbillo, Parotite e Rosolia: epidemiologia e prevenzione.

Meningiti batteriche da Haemophilus Influenzae tipo B, Pneumococco e Meningococco: epidemiologia e prevenzione.

L’esperienza di vaccinazione universale antipneumococcica in età pediatrica in Regione Liguria: un esempio di Health Technology Assessment (HTA) applicato alla Sanità Pubblica.

Epatiti virali (HAV, HBV, HCV, ecc.): epidemiologia e prevenzione.

Infezione da HIV e AIDS: epidemiologia e prevenzione.

Influenza stagionale e aviaria: epidemiologia e prevenzione.

Il Servizio Sanitario Nazionale: la riforma sanitaria e i Piani sanitari nazionale e regionale di prevenzione.

Malattie cardio-cerebrovascolari e ipertensione: epidemiologia e prevenzione.

Tumori maligni: epidemiologia e prevenzione.

Il cancro della cervice uterina: epidemiologia e prevenzione (PAP-test e vaccino anti-virus papilloma umano).

I test di screening per la prevenzione secondaria del carcinoma della cervice uterina, del carcinoma mammario e del carcinoma colon-rettale in Liguria.

 

TESTI E DISPENSE DIDATTICHE

Marinelli P et al:“Igiene Medicina Preventiva e Sanità Pubblica”, Ed. Piccin.

Barbuti S et al: “Igiene”, Ed. Monduzzi.

Crovari P e Principi N: “Le vaccinazioni”, Ed. Pacini.

Bartolozzi G: “Vaccini e vacinazioni”, Ed. Masson

Pencheon D et al: “Manuale Oxford della pratica in sanità pubblica”, Centro Scientifico Editore.

Durando P: dispense cartacee delle lezioni presso CLU Genova.

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2015 10:36

Gestione aziendale
Prof.ssa Roberta Scarsi Contatto

Programma

Il corso si propone di delineare gli elementi fondamentali della natura dell'attività dell'impresa e delle diverse funzioni aziendali. Saranno evidenziate, laddove possibile, le caratteristiche peculiari delle imprese di servizi (in particolare delle imprese commerciali) e delle piccole imprese.

Modalità di esame:

L'esame si svolge mediante una prova orale che verte sul programma svolto durante le lezioni frontali e dura da 20 a 40 minuti. La Commissione è composta da due docenti.

Ultima modifica il Venerdì, 22 Luglio 2016 14:12
Ultima modifica il Mercoledì, 02 Dicembre 2015 21:45

FARMACOVIGILANZA

Prof. Massimo Grilli Contatto Curriculum

 

Programma

Farmaci innovativi;farmaci generici; farmaci "me too", farmaci da automedicazione.

Progettazione e sperimentazione del farmaco

L'uso dei farmaci in gravidanza e allattamento, in pediatria e in geriatria.

Storia della Farmacovigilanza.

Organismi di controllo e legislazione regionali, nazionali ed internazionali della Farmacovigilanza.

Terminologia , Definizioni e Metodiche  per il monitoraggio delle reazioni avverse ai farmaci.

Segnalazione spontanea e organizzata, Studi di Coorte, Caso controllo.

Principali banche dati di interesse.

Ruolo dell' industria e delle Società scientifiche nel monitoraggio dei farmaci.

Ruolo del Farmacista sul territorio nel sistema di Farmacovigilanza.

Farmacovigilanza e Farmacista Ospedaliero.

 

Modalità di esame:

L'esame di Farmacovigilanza è solo orale; L'esame è sempre condotto da due docenti di ruolo verte sul programma indicato ed ha una durata di almeno 30 minuti. In questo modo la commissione è in grado di verificare il grado di preparazione del candidato e quindi il raggiungimento degli obiettivi minimi formativi dell'insegnamento . Quando questi non sono raggiunti, lo studente è invitato ad approfondire lo studio e ad avvalersi di ulteriori spiegazioni da parte del docente titolare.

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2015 11:15

Farmacologia generale (parte di corso integrato) per Farmacia

Prof. Ernesto Fedele Contatto Curriculum

 

 

 

Ultima modifica il Martedì, 01 Dicembre 2015 14:43